Skip to content

Video marketing B2B: come e perché farlo

Il video marketing è un’attività sempre più diffusa e redditizia.

Non lo diciamo noi ma parlano i dati delle ricerche online di cui riportiamo alcuni risultati: il 96% degli utenti guarda un video prima di acquistare un prodotto o un servizio, secondo l’80% dei marketers l’uso dei video è molto utile per aumentare le vendite e il 51% di essi ritiene che il video sia il tipo di contenuto che offre il maggiore ritorno sull’investimento (ROI). 

Con un simile scenario è facile comprendere perché il video marketing non può mancare in una strategia di comunicazione B2B.

Ma se non sai da che parte iniziare con questa attività leggi l’articolo, scopri perché e come fare video marketing per aziende e quali vantaggi puoi ottenere per la tua impresa.

 

Perché fare video marketing B2B: cosa vogliono gli utenti

Prima di prendere una decisione d’acquisto, le persone vogliono informarsi, conoscere, e questo vale soprattutto nel mondo B2B dove la scelta è razionale e non impulsiva. Quando devono scegliere con chi concludere un accordo commerciale, i decisori (dal CEO all’addetto agli acquisti) cercano online di approfondire le diverse possibilità del mercato, capire quale può essere l’offerta migliore e l’azienda più affidabile.

Il video marketing B2B consente a un’impresa di presentare informazioni utili, rilevanti per il target di riferimento, aggiornate, facili da comprendere e da fruire. In generale, gli utenti ricordano circa il 95% di un video mentre tengono a mente soltanto il 10% di quello che leggono. Guardare un video, inoltre, è meno impegnativo di prendere un appuntamento con un commerciale per farsi spiegare il funzionamento di un prodotto, di un software, di un macchinario specifico, etc.

 

I vantaggi del video marketing per un’impresa

Il b2b dovrebbe investire nel video marketing perché aiuta l’impresa a raggiungere diversi obiettivi:

  • diffondere la conoscenza del brand: la condivisione dei video è maggiore rispetto a quella di un testo;
  • aumentare la credibilità: i video curati, professionali e con informazioni utili alimentano l’idea di un’impresa affidabile;
  • costruire fiducia: un piano editoriale di video marketing aiuta a fidelizzare il target con informazioni aggiornate e rilevanti;
  • aumentare le conversioni: il video è più coinvolgente di un testo e la call to action finale risulta più incisiva;
  • eliminare tempi lunghi e costi: inviare un video è più agile rispetto a organizzare la trasferta di un commerciale.
  • migliorare il posizionamento su Google:i video aiutano a scalare le posizioni tra i risultati dei motori di ricerca.

 

Ma in che modo un’impresa può sfruttare il video marketing? Vediamo quali potrebbero essere i contenuti dei video aziendali da inviare ai propri potenziali clienti o da diffondere sui canali di comunicazione dell’impresa.

 

Come fare video marketing B2B: i contenuti dei video aziendali commerciali

Quando crei un contenuto devi sempre avere in mente per chi lo crei e cosa vuoi trasmettere. Ovviamente devi conoscere anche quali sono le esigenze di chi andrà poi a fruire dei tuoi video.

Di seguito, ti suggeriamo quali contenuti video puoi creare per aumentare la conoscenza del tuo marchio, la sua reputazione, attirare potenziali clienti e fidelizzare quelli che già acquisiti, accrescendo la credibilità e la fiducia sulla tua impresa:

  • video demo promozionali: presentazione generale di un prodotto o servizio;
  • video webinar: live per dare informazioni e ricevere domande dagli utenti;
  • video di lancio promozionali: presentazione di un evento organizzato dalla tua impresa;
  • serie di mini-video informativi: spiegazione di come funziona il tuo prodotto, puoi scorporare le varie utilità in video diversi;
  • video marketing emozionale: racconta la storia della tua impresa, i suoi valori, la mission;
  • tour virtuale dell’azienda: mostra da dove provengono i tuoi prodotti;
  • video sui dipendenti: segui un lavoratore lungo la catena di montaggio per mostrare il lavoro quotidiano della tua impresa;
  • intervista i clienti soddisfatti: raccogli recensioni rilevanti;
  • video storytelling di un evento: a cui ha partecipato la tua azienda per aggiornarsi sul settore o approfondire un ambito specifico.

 

Una volta realizzato, il video deve essere diffuso attraverso i canali più opportuni. Quali sono?

 

I canali del video marketing, dove pubblicare i video aziendali?

I video aziendali possono essere diffusi tramite diversi canali. La scelta dipende dalla funzione del video stesso. Ad esempio, puoi inserire video:

  • sul canale Youtube dell’azienda;
  • nelle pagine del sito;
  • nei post del blog aziendale;
  • sui social aziendali;
  • nelle mail della newsletter;
  • nelle landing page;

 

È provato che inserire video, quindi una call to action come "Guarda qui/ Guarda il video" nell’head di una mail aumenta il tasso di apertura. Anche in una landing page, il video contribuisce ad aumentare le conversioni.

Una piattaforma come Hubspot consente di incorporare in modo agile i video all’interno dei vari contenuti.

 

Ricicla i contenuti con i video aziendali B2B

I video aziendali devono essere di qualità e non si realizzano necessariamente in tempi rapidi. Inoltre richiedono professionalità adeguate e strumentazione. Però esistono anche diversi modi per risparmiare tempo e risorse.

Il video marketing, infatti, è anche parte di una strategia di content marketing che ricicla i contenuti e li distribuisce sotto vari formati. 

Per esempio: l’articolo di un blog potrebbe diventare una presentazione video con frasi che ne sintetizzano il contenuto, se intervisti un partner per lanciare una partnership potresti farlo pure in video e diffondere l’intervista online. Potresti raccogliere recensioni ad hoc dei clienti migliori tramite brevissimi video, oppure puoi trasformare le faq dell’assistenza in una serie informativa di mini video o puoi raccoglierle per organizzare un webinar, in cui fornirai live tutte le risposte alle domande dei tuoi clienti.

Vuoi sfruttare tutte le potenzialità del video marketing per aumentare le vendite nel B2B? 

Contattaci